domenica 20 maggio 2018

Science Fiction Theatre Season 2 Episode 8 -The Unguided Missile-


Segreti militari circa un nuovo sistema di guida sono ricevuti da una giornalista nel sogno...

venerdì 18 maggio 2018

Starship

Prendendo piccoli pezzettini di stelle di neutroni e ponendoli all'interno di potenti campi di contenimento, simili a quelli dei serbatoi d'antimateria delle astronavi aliene, è possibile costruire astronavi cargo con massa negativa!.

Le astronavi con massa negativa, sono artefatti complessi che rispondono a modelli di geometrie con spazi aberranti, ossia spazi che dall'esterno sembrano avere volumi ridotti, ma all'interno questi oggetti, a causa della curvatura dello spaziotempo, i volumi disponibili sono molto più ampi di quelli esterni, che per un osservatore esterno al veicolo sono definiti da bordi più estremi, del perimetro chiuso e limitato del mezzo. 

Il piccolo ripiegamento dello spazio tempo, permette l'artificio di collocare un elefante dentro una cabina telefonica (ovviamente, senza rompere la cabina telefonica e senza uccidere l'elefante). Si parla quindi di geometrie aberranti, tutte le volte che ci si riferisce ad oggetti aventi volumi interni assai superiori, ai volumi molto più piccoli dello strato limite che circonda lo spaziotempo incurvato. 

Le astronavi cargo di classe Tau, sono veicoli usati per spedire materiali non biologici, hanno il vantaggio sia di disporre di un ampio vano di carico oltre che di godere di ridotti rallentamenti del trascorrere del tempo, dentro la bolla incurvata. La peculiarità di tali astronavi è quella di disporre di una massa a riposo negativa, infatti la massa da accelerare non è come si penserebbe quella dell'elefante + la cabina telefonica, ma solo quella della cabina telefonica.

Le astronavi cargo di classe Tau sono vettori logistici a bassa velocità, hanno una forma sferica, con un volume esterno poco dissimile dalla motrice di un grande camion terrestre, avendo però un payload simile a quello di un container. Alla struttura esterna, è montato un paio di reattori a fusione per la propulsione del cargo ed il contenimento del materiale della stella a neutroni. Se osservati da lontano, questa classe di mezzi alieni ricordano vagamente l'astronave di Odissea 2001 nello spazio. Ovviamente non hanno equipaggio a bordo.
Infatti al centro della struttura sferica è posizionato un tubo di contenimento, questo segrega brandelli di massa di stelle al neutrone, il contenimento inibisce il materiale stellare da emettere neutroni ed altre radiazioni letali, tuttavia è molto pericoloso per ogni essere vivente biologico entrare in questi spazi, a causa della fortissima gravità.

  • E' proprio a causa dell'altissima gravità che per estrarre i contenitori con i materiali spediti nello spazio, si usano dei magneti molto potenti, che produrrebbero pressioni elevatissime e tali da spezzare in due i corpi degli esseri viventi (la parte alta dell'essere vivente sarebbe rimossa, la parte bassa invece resterebbe appiccicata al contenimento). 
  • Sempre a causa dell'altissima gravità, prima vanno inseriti i contenitori con massa superiore, quindi quelli con massa minore, altrimenti quelli con massa superiore sprofonderebbero, danneggiando i contenitori più leggeri.

A me sembra una bellissima storia di fantascienza, assai utile per cazzeggiare di navi spaziali aliene!

mercoledì 16 maggio 2018

prima del maggiolino VW Herbie (1968) era Jenny the flying Ford-T (1943)

Sulla rivista Amazing Stories del novembre del 1943 fu pubblicata la fiaba di fantascienza "Jenny the flying Ford T" dove l'autore Elroy Arno getta senza ombra di dubbio le basi di quello che Disney trasformerà nel Maggiolino VW tutto matto

La Ford T era un'auto vecchia, la numero 1.MILIONE aveva personalità e capacità di volare!.
La personificazione dell'auto nel racconto è evidente, come è evidente le doti non comuni detenute magicamente da un'autovettura che si rivela al suo guidatore!. 

Gli elementi Disneyani della serie di film ci sono già tutti nel racconto del 1943 dell'autore Elroy Arno!.


domenica 13 maggio 2018

L'uomo camaleonte nasce nel 1943

Extraman l'uomo camaleonte, nasce nel gennaio del 1943 su Amazing Stories in "the chameleon man" da un racconto di W.P.Mcgivern
In realtà il plot dei Fantastici_4 e degli eXtra-men era già stato ideato dal binomio H.G.WELLS+A.H.VERRILL a cui aggiungere nel 1943 l'autore W.P.McGIVERN che riprende tale tema, inventando l'eXtra-men "uomo camaleonte"



mercoledì 9 maggio 2018

Amazing Stories predisse l'esplosione della Bomba Atomica Trinity

Nel settembre del 1943 sulla rivista Amazing Stories fu pubblicata la novella di fantascienza di William DeLisle, in cui s'immaginava che il cielo sarebbe diventato nero e  le tenebre di una nuvola siderale avrebbero ricoperto la luce solare, emettendo raggi X. E' una catastrofe climatica quella immaginata da W. DeLesle, ma non si può cogliere nel racconto la fortissima correlazione, con un fungo atomico che detona emettendo radiazioni!

Nella suggestione illustrata nella rivista, è chiarissimo il legame logico con la bomba atomica, profetizzando per qualche arcano motivo, quello che storicamente accadde 2 anni dopo nel 1945 nella detonazione di Trinity nel deserto del Nevada (a cui poi seguirono le esplosioni atomiche di Hiroshima e Nagasaki).

domenica 6 maggio 2018

Alcoa presents One step Beyond -Night Of April 14th- Season 1 Episode 2

Nell'Aprile del 1912 una giovane donna sogna d'annegare nell'acqua gelata in piena notte, quando scopre che il suo futuro marito ha prenotato per il loro viaggio di nozze a bordo di una grande nave da crociera...

giovedì 3 maggio 2018

Nel Gennaio del 1943 su Amazing Stories previde una linea diretta tra super-potenze!

Nella fiaba di fantascienza pubblicata su Amazing Stories nel gennaio del 1943 "Direct Wire" scritta da Clee Garson, s'immagina l'esistenza di una linea telefonica diretta tra i paesi dell'Asse e gli Stati Uniti d'America. 

La linea telefonica calda tra super-potenze, senza passare dai normali canali diplomatici verrà costruita ed installata nella guerra fredda tra USA ed URSS, dopo la crisi dei missili cubani. Il dispositivo di comunicazione era un collegamento diretto, pensato ad hoc, proprio per dare ad USA ed URSS una via diretta di comunicazione, con cui intavolare mediazioni politiche immediate e senza fraintendimenti, per evitare l'olocausto nucleare tra le due superpotenze!.

martedì 1 maggio 2018

domenica 29 aprile 2018

quasi Fantastic Voyage nel giugno del 1943 su Amazing Stories

Il tema della miniaturizzazione era già stato trattato anni prima su Amazing Stories 1928 con il racconto "the 14th earth" ideato da W.KATELEY. 

Il tema della miniaturizzazione sarà ripreso per un plot remix da un secondo autore G.R.Sonbergh con la propria novella di fantascienza "laboratory of the mighty mites" dove de facto ci si approssimerà ancora di più al "Fantastic Voyage" dato che s'immaginerà nel 1943 l'esistenza di un trattamento specifico, un laboratorio di miniaturizzazione di esseri umani, per assolvere a funzioni specifiche...
Il racconto sarà anche illustrato nella copertina di Amazing Stories del giugno 1943 come piatto forte della rivista. Hollywood nel 1966 ne proporrà un rimaneggiamento più completo.


venerdì 27 aprile 2018

Il trinomio tossico (nazy+UFO+alieni) nasce su Amazing Stories nel 1943

I miti nazisti con le cazzate tonanti della Terra cava nascono nel 1892 mescolando miti celtici in deliri di odio etnico.

Tuttavia, è sulla rivista Amazing Stories del marzo del 1943 che nel racconto "Victory from the void" gli autori W.P.Mcgivern & D.W.O'Brien propongono per primi ai lettori di SciFi,il mito degli UFO nazisti: una base spaziale su un asteroide, gestita sia da esseri umani quanto da alieni bassi e piccoli (gnomi malefici)
E' nel Novembre del 1943 invece che Amazing Stories pubblica la fiaba di fantascienza "Empire of Jegga" in cui l'autore David A. Reed ipotizza un'alleanza tra nazisti ed alieni rettiliani, mentre il plot introduttivo del racconto, pone la questione: con quale parte dovrebbe stare un terrestre se scoppiasse la guerra dei mondi?!

Il trinomio tossico (nazy+UFO+alieni) verrà con il tempo remixato e declinato in un'infinità di cazzate tonanti, recuperando e mescolando anche le minkiate tossiche degli  "esseri transumani coltivati in laboratorio dal 1938", andando a formulare così una marea di minkiate tossiche, di cui l'editoria (f)uffalogica classica si nutrirà a piene mani per lunghissimo tempo!. 

L'ultima minkiata tonante di stampo mediatico sullo stesso genere è "Iron Sky" che propone in una parodia, una base nazy sulla Luna (senza però la presenza d'alleanze aliene).


Argomenti Correlati:

mercoledì 25 aprile 2018

gli alieni transumani coltivati in laboratorio nascono nel 1938

Su Amazing Stories del novembre 1938 fu pubblicata una novella di fantascienza intitolata "monstrosity of evolution" dell'autore Thorp Mclusky in cui s'immagina che radiazioni siderali abbiano rimbecillito e storpiato uno scienziato nano pazzo, inducendolo a creare in laboratorio degli esseri transumani. 

E' il plot permutato dell'Isola del Dr.Mooroe di H.G.Wells, nel quale però in questo racconto, per la prima volta s'instilla l'idea di mutazioni transumane con esseri cresciuti e coltivati in provetta. Il passo dal permutare l'idea cambiando il personaggio dello scienziato nano pazzo, in un alieno ostile, sarà breve. Di queste cazzate tonanti l'editoria (f)uffologica classica si nutrirà molto ed a lungo!.

Argomenti Correlati:

martedì 24 aprile 2018

TEASER: Let's light it up

Il sgt Arcadiy Sokolov, il cpt Alton Lewis, il sgt Elizaveta Ivanov, il Lt Ning Liu, il Lt Karolina Smirnov, il cpt Gerlinde Lange Schulze sono le sei testimonianze, avvincenti ed inesorabili, ambientate in Siberia. Sei destini divergenti, che s'intrecciano nella terza guerra mondiale nel 2050. Sei storie, implacabili come la gelida battaglia per Kalinka!.   


giovedì 19 aprile 2018

La prima ucronia di fantascienza in universi paralleli è del 1942 di Nelson S.Bond

Nell'agosto del 1942 su Amazing Stories fu pubblicata la novella di fantascienza "Horsesense Hank in the parallel Worlds" scritta dall'autore Nelson S.Bond. Il protagonista Horsesense Hank imposta un viaggio nel tempo andando nel passato (rimaneggiamento del plot di H.G.Wells) ma l'autore non implementa un romanzo storico, anzi definisce un universo parallelo, costruendo un motore what/if immaginando così un'ucronia, su cosa sarebbe potuto accadere negli USA se George Washington non avesse attraversato il Delaware nel tardo 1700DC. 
E' la prima ucronia di fantascienza pubblicata da Amazing Stories ambientata in universi paralleli!

lunedì 16 aprile 2018

Le astronavi Al´kesh sono inventate nel 1942 dall'illustratore di Amazing Stories

Nel settembre del 1942 fu pubblicato da Amazing Stories il racconto "Peace mission to planetoid X" scritto da D.W.V.Swain il racconto è un classico di guerra spaziale, ma l'illustratore della rivista inventa le astronavi Al´kesh Goaul'd. 

Gli oggetti non hanno ancora una forma piramidale ma hanno due semi-cerchi montati uno sopra l'altro, che ricordano vagamente la forma piramidale, oltre a disporre di una pinna posteriore. La vera grande somiglianza è tuttavia riscontrabile nel frontale delle astronavi, che dispongono di una protuberanza frontale (dove risiede il vano comandi, che indica al lettore il senso di marcia) che è quasi identica ai mezzi alieni, che saranno mostrati nella saga Stargate SG1 come Al´kesh.

La somiglianza è IMHO davvero notevole!

sabato 14 aprile 2018

Il TGV nasce su Amazing Stories 1942

Nel dicembre del 1942 sulla rivista Amazing Stories fu pubblicata la novella di fantascienza "one way ticket to nowhere" scritta da Leroy Yerxa. Il racconto narra della sparizione di un supertreno che corre ad altissima velocità su una monorotaia, il protagonista del racconto è Jeff Blake, sarà chiamato ad investigare proprio sulla misteriosa scomparsa del convoglio superveloce!.
Il riferimento tecnologico immaginato nel 1942 ai treni superveloci francesi TGV (che saranno costruiti 40 anni dopo nei primi del 1980s) è evidente, dato che la suggestione del futuristico mezzo è ritratta come un mezzo velocissimo, aerodinamicamente molto spinto, che corre su una monorotaia (ossia una linea dedicata e diversa dalla normale ferrovia) ed è immaginato come un mezzo che ha un design aerodinamico ibrido tra uno squalo ed un razzo!.



mercoledì 11 aprile 2018

One Step Beyond - The Vision, Season 1, Episode 10

Il 14 novembre 1915 quattro soldati francesi furono testimoni di uno strano evento: videro una luce nel cielo che gli ordinò d'abbandonare il loro posto. I soldati furono arrestati e posti sotto corte marziale, con un sorprendente risultato, infatti...

domenica 8 aprile 2018

Il primo veicolo robotico biposto è immaginato nel settembre del 1942

Su Amazing Stories fu pubblicato nel settembre del 1942 la novella di fantascienza "Robotcycle for two" scritta da Max Overton. Il racconto non è niente di particolare in se, tranne per il fatto che s'immagina un veicolo biposto governato da un robot (oggi diremmo con Intelligenza Artificiale) che conduce i viaggiatori alla loro meta, viaggiando nel traffico, senza richiedere guida o controlli.

anticipando di 70 anni, quello che è realtà nel XXI°secolo, un veicolo a 4 ruote per 2 persone.



martedì 3 aprile 2018

Gli Omicidi Accidentali (v1.0)

Omaggio Amazing Stories –febbraio 1941- in particolare al racconto “The accidental murders” di R.M.Williams assemblando un plot remastering.

Gli Omicidi Accidentali

Risorsa rintracciabile anche presso altri clouds:
https://www.scribd.com/document/374869014/omicidi-accidentali
https://issuu.com/65c02/docs/omicidi_accidentali


lunedì 2 aprile 2018

Isole Cosmiche - A.C. Clarke - Urania 1952 -

In regalo per Pasquetta ai passanti del blog di "Mia Fantascienza" ;-) la versione integrale in Italiano di un romanzo Urania del 1952 di A.C.Clarke -Isole Cosmiche-

domenica 1 aprile 2018

Star Wars - Una nuova speranza


Per Pasqua, in regalo agli assidui frequentatori del blog di "Mia Fantascienza", in streaming gratuito il primo film della saga Star Wars ;-)

venerdì 30 marzo 2018

Robert Moore Williams nel Maggio del 1942 predice la Bomba Atomica!

Sembra incredibile, ma è assolutamente vero!.
Sulla rivista Amazing Stories del maggio del 1942 fu pubblicato un racconto di Robert Moore Williams intitolato "The incredible slingshot bomb's". Il plot del racconto di fantascienza non è niente di speciale: un ragazzino sfrutta per caso un varco temporale aperto dagli alieni, per combinazione mentre entra in questa nuovo mondo, raccoglie quello che lui credeva essere dei sassi, salvo poi prendere a sassate gli alieni con la propria fionda, per evitare un'invasione sulla Terra. Quello che il bambino credeva essere sassi, erano in realtà BOMBE ATOMICHE MINIATURIZZATE!

Quello che c'è di stupefacente nel racconto di fantascienza è la presenza del termine Atomic Bomb, un termine scritto 3 anni prima che detonassero le prime atomiche nel 1945 con l'esperimento di Trinity nel deserto del Nevada, poi le due esplosioni in Hiroshima e Nagasaki.

Il segretissimo progetto Manhattan nel 1942 era già iniziato, grazie allo spunto della lettera scritta da Einstein, tuttavia quello che è straordinario è che sia stato presentato in un magazine di fantascienza il termine "bomba atomica", anticipandone platealmente l'uso comune!!

mercoledì 28 marzo 2018

Dottor Who nasce nel 1940 su Amazing Stories del novembre 1940


Non c'è nessun dubbio, il personaggio Dr.Who è nato su Amazing Stories nel novembre del 1940 dalla fantasia dell'autore Nelson S.Bond che immaginò l'esistenza di un essere iperterreno, capace di viaggiare istantaneamente nel tempo e nello spazio, per scopi scientifici. Nel novembre del 1940 nel racconto "The scientific pioneer returns" il Dr.Who non si chiamava Dr.Who ma Lancelot Biggs.

Dr. Who (1963)





domenica 25 marzo 2018

Treasure trouve in time (1940) è seconda protogenesi di Minority Report (2002)

Sul magazine Amazing Stories del novembre del 1940 fu pubblicata una novella di fantascienza di David Wright O'Brien intitolata "Treasure trouve in time". L'autore riprende il tema della cronovisione dell'autore KAW (che era già stato pubblicato in passato da Amazing Stories nel 1926 con una fiaba basata su un cronovisore del passato) per immaginare che il dispositivo possa fotografare il futuro!.
L'assonanza con il cronovisore , quanto la cronovisione del "Minority report" (2002) e "Deja Vu" (2006) è forte, a riprova che molti dei temi di fantascienza moderni sono solo la farcitura d'effetti speciali dentro la cronica permutazione di contenuti di SciFi già elaborati in passato e che poco o niente c'è di veramente originale nella SciFi. 



giovedì 22 marzo 2018

Il nucleo di curvatura di Star Trek nasce su Astounding Science fiction nell'agosto 1938

Su Amazing Stories Quaterly estate 1930 fu pubblicato il racconto di fantascienza di John W.Campbell Junior intitolato "The voice of the void" in cui per la prima volta viene concepito un apparato ricetrasmittente disegnato dall'illustratore Wesso e non un sistema di propulsione.
Infatti su Astounding Science Fiction nell'agosto 1938 tale apparato ricomparirà addirittura nella copertina avendo però la funzione modificata in sistema d'alimentazione, nel racconto di SciFi "la nave infernale" di Arthur J.Burke. E' nato sostanzialmente nel 1938 il WARP Kern, il nucleo di curvatura di Star Trek!


Lurkavo rapidamente sbirciando per curiosità tra le altre copertine delle altre PULP Mags e mi sono accorto che il concetto di "nucleo di curvatura" alias "WARP Kern" fu poi pesantemente scopiazzato in una suggestione di copertina di Galaxy Science Fiction del Marzo del 1951.


Diventerà il WARP Kern elemento fisso della saga di Star Trek, assieme ai cristalli di Dilitio (probabilmente storpiatura di+Litio noto materiale utile per fare pile ricaricabili molto potenti e facili da ricaricare!)



lunedì 19 marzo 2018

V-Visitors (1984)

Mini serie televisiva degli anni ottanta, V-Visitors riprende il tema di H.G.Wells la "Guerra dei Mondi" immaginando un'invasione aliena strisciante, nascosta da false dichiarazioni aliene di pace.
I difetti logici della serie televisiva (che poi avrà un remake nel 2009) sono IMHO assai gravi e numerosi:
  • Non si capisce come delle maschere di gomma possano dare l'impressione di un volto umano, quando gli alieni senza la maschera avrebbero un testone rettiloide che appare enorme, almeno il doppio di un cranio umano.
  • Con così tanta tecnologia aliena, non si capisce perchè gli alieni decidano d'optare per un'invasione strisciante, quando un attacco massiccio e fulmineo ad USA ed URSS che avrebbe messo KO le due super-potenze mondiali, avrebbe poi sicuramente indotto tutti gli altri paesi del mondo a subire l'invasione aliena passivamente.
  • L'ipotesi di una resistenza civile contro gli alieni appare poco credibile: tutte le strutture militari terrestri risultano esistenti e passive e non collaborative con la resistenza, e questo appare poco plausibile.
  • La battaglia finale nel serial-tv "V-Visitors" è combattuta con quattro gatti :-) male armati e male addestrati, è solo grazie all'aiuto di una quinta colonna aliena (che è amichevole e pacifica e quindi è un elemento inconsistente nella fabula) che i resistenti ottengono la vittoria.
  • Non si capisce perchè con tutta la tecnologia ed il "know how" scientifico assai più sviluppato, gli alieni decidano per un'invasione strisciante violenta che consuma loro energie, quando un VIRUS ALIENO studiato ad hoc per soggiogare l'umanità, avrebbe dato risultati più efficienti senza sparare nemmeno un raggio protonico!.


venerdì 16 marzo 2018

L'Oro in Soffitta (v1.01)

Otto racconti di Climate Fiction già pubblicati in altri ebook, sono stati scelti per rielaborarli in un ReMiX, per proporre un nuovo testo, di CliFi cruento!.




File rintracciabile anche presso altri clouds:
https://www.scribd.com/document/374049344/l-Oro-in-Soffitta


giovedì 15 marzo 2018

I kamikazee furono immaginati da Amazing Stories nel 1940

Sembra incredibile, ma è assolutamente vero!.
Nel magazine del mese d'agosto 1940 (ossia 16 mesi prima circa, dall'attacco di Pearl Harbor del 7/12/1941) fu pubblicato un racconto di fantascienza "Suicide squadrons of space" scritto dall'autore David Wright O'Brien

L'autore dipinge un racconto d'azione fantascientifico alla Buck Rogers, con l'impiego di squadroni suicidi di ranger spaziali, come unica arma da spedire contro gli inarrestabili Mongoli spaziali. Per un osservatore del XXI°secolo la metafora di guerre spaziali come guerre nell'Oceano Pacifico tra Americani e Giapponesi è chiarissima nel racconto. L'impiego di truppe speciali in missioni impossibili e suicide è descritta a parti contrapposte. 

Nel racconto di fantascienza dell'agosto del 1940 sono descritti in chiave futurista, quelli che diventeranno i Kamikazee giapponesi, che però saranno impiegati solo dopo la battaglia di Midway del 6/6/1942 (perchè la marina giapponese, perse tutte le sue porta-aerei). Tutto questo accadde per fiction, su Amazing Stories circa 1 anno e 10 mesi prima che i kamikazee diventassero una realtà!.

sabato 10 marzo 2018

Il Big Shooter di Jeeg robot nasce su Science Fiction del giugno del 1939

Lurkavo rapidamente sbirciando per curiosità a caso tra le copertine delle molte PULP Mags che ho scaricato, mi sono accorto che il BIG SHOOTER di Jeeg robot, ebbe a nascere da una suggestione di copertina della rivista "Science Fiction" del giugno 1939.
I catamarini laterali dell'astronave non si erano ancora sviluppati, ma la forma del corpo centrale dell'astronave, il colore rosso, la presenza di timoni, la presenza di razzi propulsivi, le funzionalità di emettere raggi (e per il momento, non ancora i componenti di Jeeg) dai lati, sono già tutte capacità interamente presenti nella copertina del 1939 che ospita il proto-Big Shooter.



mercoledì 7 marzo 2018

Flying saucers & UFO prima del 1947 nelle Pulp Mags

Dischi volanti UFO e Pulp Mags: per maggiori dettagli leggere l'articolo sul blog Paleocontatto ;-)

In sintesi tirando le fila intorno al quesito: quando c'è stata dentro le pulp mags, una raffigurazione compatibile con della tecnologia aliena?!


  1. l'iconografia più vecchia attinente ad uno shape SICURAMENTE a disco volante risale al 1928/aprile in Amazing Stories 
  2. l'iconografia più vecchia attinente ad uno shape compatibile con la fenomenologia Foo Fighter/luci di Hessdalen, la si ritrova in Amazing Stories del 1929/settembre.
  3. L'associazione tra Dischi Volanti e Foo Fighters comparve nell'iconografia delle "pulp mags" molto prima del fenomeno Foo Fighter, mostrando raffigurazioni e potenziali contesti inerenti a probabili avvistamenti UFO, che poi potrebbero essere stati permutati e/o remixati in racconti di SciFi dagli autori, per trarne una monetizzazione!.
  4. E' possibile, che la raffigurazione grafica in Amazing Stories del Maggio 1926 sia la protogenesi dei dischi volanti come creazione artistica ibrida nelle Pulp Mags, da cui sono nate a-le astronave siluriformi a dirigibile e propulse a razzo oppure b-gli oggetti discoidali. Tuttavia, pensare che tale iconografia, sia l'unica causa che ha alimentato hoax e falsi avvistamenti, riconducendo tutto il fenomeno degli avvistamenti UFO a delle balle reiterate per emulazione umana, è IMHO un grave errore!. Sono infatti numerosi gli avvistamenti di oggetti discoidali e sferici e tubolari, osservati in un passato molto più distante dal 1926 che finirono rappresentati in quadri e/o descritti in annali/proto-giornali in epoche molto precedenti!.

lunedì 5 marzo 2018

I tank TIGRE furono immaginati da Amazing Stories nel 1940

Sembra incredibile, ma è assolutamente vero!.
Nel magazine del mese di Aprile del 1940 su Amazing Stories fu pubblicata una novella di fantascienza intitolata "When the ice terror came" di Jack West. Il racconto di fantascienza guerraffondaica, immaginava nelle mani dell'esercito americano, un nuovo e gigantesco SUPER TANK, capace di portare alla vittoria in pochi mesi l'esercito americano, in lotta contro i nazisti, in un inverno super extra freddo ed ostile, creato ad hoc dai nazisti...

Il racconto sembra il presagio della Battaglia delle Ardenne, che però avvenne nel 1944 e quindi il racconto pubblicato su Amazing Stories, sembra essere stato scritto a parti contrapposte, almeno per l'uso di tank giganti. Furono infatti molti tank tedeschi (solitamente più grandi e massicci e meglio armati, degli Sherman americani) ad essere i protagonisti quasi inarrestabili, sino a quando non tornò il bel tempo, permettendo alla possente armata aerea Alleata, d'annientare tutte le forze di terra naziste!.

giovedì 1 marzo 2018

L'ultima analisi (v1.0)

Omaggio ad Amazing Stories febbraio 1941The last Analysis” di J.Y.Cabot con un plot remastering, in PDF e Copyleft(by-nd-nc)

l'ultima analisi

File rintracciabile anche presso altri clouds:

https://www.scribd.com/document/371606976/Last-Analysis
https://issuu.com/65c02/docs/last_analysis


domenica 25 febbraio 2018

Future Fiction, Science Fiction, Nebula Science Fiction, Satellite, Cosmos

Nel mondo delle "pulp mags" ci furono tantissime altre riviste di fantascienza che iniziarono il business editoriale, entrando in concorrenza con Amazing Stories, Wonder StoriesIF Worlds of science fiction, al fine di replicare il loro successo negli USA oppure nel resto del mondo. Purtroppo, a causa del crescente costo della carta, della grande concorrenza, quanto per la diffusione della televisione, tali riviste di SciFi ebbero spesso una vita editoriale assai breve; tra queste si ricorda:

Future Fiction fu una rivista di fantascienza nacque nel 1930 e rimase attiva sino al 1960, per quanto il lavoro del suo editore iniziò solo dal 1941 Robert W.Lowndes, che ne curò con attenzione lo sviluppo della testata sino alla fine.

Science Fiction fu una rivista statunitense di fantascienza, nacque nel 1939 e chiuse nel 1943 poi ebbe a riaprire nel 1950 per poi chiudere definitivamente nel 1960. Entrambe i tentativi editoriali furono dall'editore Charles Horning.

Nebula Science Fiction fu una rivista inglese di fantascienza, nacque nel 1952 rimase editorialmente attiva sino al 1957. Il magazine fu creato dal diciottenne Peter Hamilton, che iniziò la carriera di editore, dopo che i suoi genitori gli comprarono una stamperia in Scozia.

Satellite fu un'altra rivista americana di fantascienza, nacque per merito della società editoriale Renown Publishers nel 1956, ma sfortunatamente chiuse nel 1959.

Cosmos fu una rivista di fantascienza minore, restò operante in modo discontinuo nelle edicole dal 1953 al 1954

venerdì 23 febbraio 2018

I bombardamenti nazisti con le V1 & V2 furono previste da Amazing Stories del 1940

Sembra incredibile, ma è assolutamente vero!.
Nel magazine Amazing Stories del febbraio 1940 fu pubblicata la novella di fantascienza "Rockets over Europe" dell'autore Robert Moore Williams. Nel testo guerraffondaico di fantascienza scritto nel 1940 il fervido autore immaginava che molti razzi, deflagrassero in Europa, comportandosi proprio come delle bombe volanti, portando distruzione e morte!.

Cosa che storicamente, avvenne dal 1943 anche se il primo volo sperimentale del missile da crociera V1 accadde il 30 agosto 1942. Storicamente i bombardamenti dei missili V2 versione A4 avvennero dal 1944 anche se, il primo volo del prototipo V2 fu nel marzo 1944.

Appare quindi profetico sia il racconto, quanto l'introduzione in Amazing Stories, dove appunto tra le righe, s'attende la comparsa di tali sistemi d'arma!

"This story is fiction. The editors have no desire to present ROCKETS OVER EUROPE in other light. Yet, in view of the news that has come through the war censorship; remembering the mysterious blast of one belligerent's great airdrone; recalling other carefully veiled explosions, the readers may well ask  -is this fiction?!- [...]"

Capacità realmente profetiche dell'autore R.M.Williams, oppure effetti logici indiretti prodotti dagli scritti del capitano Herman Potocnik, che fu tradotto e pubblicato da Amazing Stories nel luglio del 1929 oppure, leaking dei servizi segreti permeati nelle "Pulp Mags"?!

mercoledì 21 febbraio 2018

prima di Starship Troopers (1959) era West Point 3000AD (1940)

Nel novembre del 1940 sul magazine Amazing Stories fu pubblicato il racconto di Manly Wade Wellman "West Point 3000A.D." un racconto militaresco spaziale in classico stile guerra dei mondi, che IMHO fu certamente da ispirazione all'autore di SciFi  Robert A. Heinlein, da cui poi Hollywood trasse un paio di film SciFi "Starship Troopers"


Starship Troopers part 2
Starship Troopers part 3

domenica 18 febbraio 2018

Al vertice della tensione (v1.0)

Al vertice della tensione, nel bacino del Nilo, in un dramma climatico intrecciato nell'insolubile questione della sovrappopolazione in Africa!. Nel bacino del Nilo, dove, come, quando tutto cominciò nel 2050.


File reperibile anche su altri clouds:
https://www.scribd.com/document/371802416/al-vertice-della-tensione
https://issuu.com/65c02/docs/vertice_della_tensione


sabato 17 febbraio 2018

prima di Ritorno al futuro (1985) era Mr.Craddock's amazing experience (1939)

Presso il magazine Amazing Stories del febbraio 1939 fu pubblicata la novella di fantascienza "Mr.Craddock's amazing experience" dell'autore W.F.Temple

Un commesso viaggiatore scopre casualmente ed incidentamente la capacità di viaggiare all'indietro nel tempo. Racconta la sua esperienza al medico il quale certifica questa sua capacità. L'uomo inizierà a prendere confidenza con questa sua particolare dote, avvantaggiandose nelle sale cinematografiche, nei ristoranti ed infine si metterà nei guai seri, sperimentando tale capacità con dei bookmaker clandestini, giungendo a rischiare la vita... In realtà Mr.Craddock riuscirà a fuggire dall'infausto destino che gli era stato preparato, rifugiandosi nel passato nel 1891 ritornando bambino. Un bambino prodigio, capace di saper leggere, scrivere e fare previsioni future anche profittevoli, pur non essendo mai andato a scuola!. Il racconto termina mostrando come il futuro influenza il passato, lasciando immaginare ai lettori la comparsa di un futuro diverso e nuovo per il protagonista, che s'avvantaggerà della sua conoscenza futura!
Il racconto è molto probabilmente la protogenesi della saga "ritorno al futuro". 

  • Il plot principale è la capacità di viaggiare nel tempo, elemento comune in entrambi i plot.
  • Hollywood probabilmente riciclerà il racconto del 1939 di W.F.Temple, permutando la capacità di viaggio nel tempo, in una macchina del tempo (in stile H.G.Wells) piuttosto che fondare il racconto su poteri mentali super-umani. 
  • Tuttavia, la capacità d'influenzare dal futuro, la narrazione principale che è posta invece nel passato, sarà però sviluppato da Hollywood, nella saga "ritorno al futuro" espandendo una nuova narrazione, con la conoscenza dei visitatori provenienti dal futuro (piuttosto che dal passato, come nel plot di Wells/Mercier).

mercoledì 14 febbraio 2018

The treasure on asteroid X del gennaio 1939 è la proto-genesi della saga Alien

Sulla rivista Amazing Stories del Gennaio del 1939 fu pubblicato il racconto "The treasure on asteroid X" di Frederic Arnold Kummer Jr. Il protagonista della novella è una sorta di emulo di Buck Rogers; il capitano Martin Chance alla guida di un'astronave spaziale, dopo uno scontro armato con alcuni venusiani, farà atterrare la propria astronave sull'asteroide X, alla ricerca di un tesoro. 

L'ambiente dell'asteroide ha bassa gravità, è pieno di crateri d'impatto con meteoriti, ha atmosfera ostile e servono le tute spaziali per visitarlo. E' noto che da qualche parte giace una piramide aliena, che sarà scoperta dal piccolo equipaggio del capitano Martin Chance. Il tesoro è composto da 6 preziose ceste di radium, ma nella piramide ci sono dei marziani che non avranno intenzione di mollare il tesoro: scoppierà uno scontro con pistole protoniche, ma ovviamente l'equipaggio del capitano Chance avrà la meglio, ottenendo l'ambito tesoro!.

Il plot è probabilmente la proto-genesi della saga di Alien!

  • Un asteroide pieno di crateri d'impatto, con un ambiente spaziale ostile alla vita umana.
  • L'equipaggio umano, atterrerà sul piccolo e sconosciuto asteroide in cerca di qualcosa.
  • Un vano alieno, conterrà un'indubbia sorpresa per l'equipaggio.
  • Ci sarà uno scontro tra l'equipaggio e degli alieni, a presidio del locale alieno.
Nel racconto del 1939 l'esito è positivo, ma il plot sarà rimaneggiato da Hollywood, generando il contesto della genesi della saga di Alien. 
  • Invece che cercare un tesoro, l'equipaggio risponderà ad un messaggio radio. 
  • Quello che l'equipaggio cerca non è un tesoro, ma troverà un germe alieno. 
  • Ci sarà uno scontro, tra equipaggio umano ed alieni!



domenica 11 febbraio 2018

L'illustratore Morey che lavorava per Amazing Stories nel 1934 immagina il LEM

Sulla rivista Amazing Stories dell'agosto del 1934 fu pubblicata la novella "The velocity of Escape" di J.W.Skidmore, il racconto avventuroso, è una permutazione delle avventure del più noto "Buck Rogers" ed il racconto di Skidmore non è particolarmente interessante per la fabula di SciFi.
Quello che è intrigante per un osservatore del XXI°secolo, è la complessa suggestione che si crea tra l'illustrazione ed il titolo del racconto!. 

Il disegno fu ideato dall'illustratore Morey a corredo del racconto di Skidmore, assieme al titolo del racconto "The velocity of escape = la velocità di fuga", le assonanze orientano fortemente un osservatore del XXI°secolo, sull'interno del modulo LEM delle missioni Apollo!. 

Non sono poche e marginali le assonanze iconografiche dell'illustrazione, con la realtà della NASA del 1969.
  • la forma dei finestrini di destra e sinistra (con l'esclusione del grande vetro centrale)
  • la posizione del pilota che ancorchè seduto, non si può dire che sia comodamente collocato su un sedile aereonautico degli anni trenta, anzi il pilota pare appollaiato in modo alquanto scomodo, stando in una posizione quasi eretta, davanti al quadro comandi e finestrini.
  • la forma ergonomicamente ad U della console del quadro comandi
  • la disposizione degli indicatori ed interruttori sparsi sul quadro comandi
  • la posizione relativa dei joystick (del controllo dei razzi di manovra) e della leva della potenza del razzo principale, rispetto al quadro comandi
  • la forma della cabina dell'astronave, che trasmette una sensazione di un vano stretto ed angusto
  • la presenza di una botola sul soffitto, posta sopra la testa del pilota (nel LEM passaggio per il modulo Apollo)
  • la presenza di bombole, fili e tubi dentro alla carlinga
  • la presenza di un cilindro, posto all'interno della carlinga e collocato proprio sul pavimento
  • la velocità di fuga dalla Luna fu elemento critico per i progettisti NASA che abbandonarono l'idea originaria di Von Braun d'usare un unico razzo per volo ed allunaggio, progettando una missione spaziale a matriosca, con il modulo LEM che per vincere la velocità di fuga lunare, sganciò il motore primario e le zampe di atterraggio, lasciandole sulla Luna!.

IMHO le assonanze grafiche con il vano biposto del LEM non sono poche, per un disegno immaginato nel 1934 dal disegnatore Morey che era completamente digiuno d'astronautica, ed ingegneria spaziale. 

Un disegnatore che forse in qualche modo, potrebbe aver immaginato ed interpretato a suo modo 65 anni prima della costruzione del modulo LEM, un pezzo dell'unica astronave terrestre (che sino ad oggi) ha viaggiato numerose volte sino alla Luna!

giovedì 8 febbraio 2018

Scienza non Fantascienza: Time Capsule per il 5000DC

Sulla rivista Amazing Stories del Gennaio del 1939 si diede la notizia che la Westinghouse ebbe a costruire una Time Capsule (una capsula del tempo) in cui furono riposti vari artefatti del 1939. 


In particolare, il numero di Amazing Stories dell'Ottobre del 1938 fu scelto dalla Westinghouse (assieme a qualche altra rivista di SciFi), per essere convertito in Microfilm e poi stoccato dentro la Time Capsule, per mostrare agli umani del futuro, come nel 1939 s'immaginavano le cose a venire. 

Il siluro in metallo, con elementi di rinforzo in rame, fu progettato dalla Westinghouse per contenere internamente una cripta di pyrex dentro cui stoccare e proteggere vari artefatti (libri, giocattoli, giornali, un visore di pellicole ecc...) da conservare per 5000 anni!!. 

La Time Capsule fu pubblicamente sepolta nella notte del 23 settembre del 1938 presso la sede della Westinghuse, in una grande cerimonia, con lo scopo preciso di spedire 5000 anni nel futuro, un concreto spaccato della società americana, una testimonianza sul modo di vivere negli Stati Uniti d'America del 1939. 
L'idea di costruire una "time capsule" fu mutuata dalle tombe egizie, in cui fu ritrovato molti manufatti grazie ai quali comprendere la vita quotidiana di 5000 anni prima!.


martedì 6 febbraio 2018

Io robot nasce nel 1939

Su Amazing Stories del gennaio 1939 fu pubblicata una novella di E.Binder dove il protagonista è un robot dotato di I.A. con incredibile forza. Il robot è servizievole, vorrebbe integrarsi con gli umani, ma è rigettato per la sua diversità di macchina, ossia per non essere una persona vivente in carne ed ossa. 

In realtà lo stesso personaggio era stato introdotto su Amazing Stories alcuni numeri precedenti, tuttavia è nel gennaio del 1939 che la novella tratta la questione sociale, tra umanità ed anima, ponendo il quesito se le macchine dotate di I.A. passando il test di Turing siano senzienti o meno.

La tematica psicosociale sulla I.A. verrà riciclata ed espansa dalla corrente letteraria CYBER PUNK. Hollywood nei decenni a venire ne estrarrà il film "Io robot", a riprova che quasi niente Hollywood s'inventa di sana pianta, ma tutto si ricicla nella Fantascienza!.


domenica 4 febbraio 2018

Chi sono i lettori del blog Mia Fantascienza?!

I dati del 2015 sui lettori di Mia Fantascienza.
I dati del 2016 sui lettori di Mia Fantascienza.

Questi sono invece i dati del 2017 sui lettori di Mia Fantascienza:

Modestamente sono "string leader" su:
su YouTube è cosa analoga,sono"string leader" con:
Lo spirito dei tempi.
Google trends sentenzia che le mie stringhe non fanno parte dello spirito dei tempi: a nessuno frega niente dei blog di fantascienza, della narrativa del climate change oppure della narrativa del cambiamento climatico. A riprova che la fantascienza è narrativa di genere e molto di nicchia.

Tutti i post hanno cumulato 17607 pageview, zero lettori fissi con RSS, però in media ci sono 730 visite al mese, il post più letto è:

-Racconti e romanzi di fantascienza da scaricare in PDF gratis in Copyleft: 751 pageview

quasi a pari merito i due post

-fantascienza in Multitrama VS fantascienza in narrativa tradizionale: 111 pageview
-un blog intitolato Mia Fantascienza: 108 pageview

Chi sono i visitatori del blog "Mia Fantascienza"?!

Sono 55% italiani, 21% russi, 10% statunitensi,  3% francesi (evidentemente tutti italiofoni oltre che anglofoni), hanno prevalentemente Windows, Linux e Macintosh ed Android ed usano Chrome, Explorer e Firefox, Safari. 

Provengono quasi tutti da Google (segno che qualcuno c'è che cerca qualcuna delle stringhe su cui io sono string leader, anche se in termini assoluti sono qualche centinaia di utenti, rispetto ai miliardi di query online per cui Google dice che non c'è traffico significativo) e poi tali utenti, bookmarkano il mio sito, quindi tornano regolarmente invocando direttamente il mio url.

Considerando i buoni dati relativi alle letture degli ebook, dato che il post più letto indica dove scaricare i miei ebook sui clouds, é molto probabile che una larga parte dei visitatori, siano tutti dei lettori di miei ebook.

Purtroppo le statistiche di google non indicano quanto sia la durata media di una visita, tuttavia:

1-incrociando i dati delle visite al servizio di streaming in bianco e nero in italiano, ne hanno fruito (al 26/1/2018) 1804 utenti per 33 video (54 utenti per contenuto) pari a circa il 10% del traffico totale ossia il 18% degli utenti italiani in visita del blog non ha skills per fruire contenuti multimediali e testi scritti in inglese!.

2-La seconda playlist con contenuti in lingua (inglese, francese, italiana al 26/1/2018) ha accumulato 140 visualizzazioni per 165 video (1.2 utenti per contenuto) pari a circa 0.9% del traffico del blog.

In ogni caso, un saluto agli assidui visitatori quanto ai passanti del blog!.

Continueranno ad esserci bloggate e contenuti multimediali e risorse di buona qualità sul tema Science Fiction, oltre a tanti ebook in Copyleft, in FREE Download!


Augh! :-)

giovedì 1 febbraio 2018

The 5th Protocol (v1.0)

Omaggio Amazing Stories dicembre 1940Three wise men of space” di D.Bern con un plot remix


The 5th Protocol

Risorsa disponibile anche presso altri clouds

https://www.scribd.com/document/370045990/the-5th-Protocol
https://issuu.com/65c02/docs/5th_protocol


martedì 30 gennaio 2018

-The Duplicate- Tales of Tomorrow VS Twilight Zone -Third from the Sun-

"Tales of tomorrow" ossia "Racconti del domani" è una serie di telefilm di fantascienza prodotta dalla ABC dal 1951 al 1953. La serie ebbe molte assonanze con la successiva "Twilight Zone" sia per lo stesso genere di temi sviluppati, quanto per la presenza d'inversioni di punti di vista. 

  1. Ogni episodio della durata di 30minuti in bianco e nero, 
  2. aveva una trama sorretta sui dialoghi e l'espressività degli attori a discapito dell'ambientazione, le inquadrature strette cercavano di celare una scenografia povera 
  3. e l'assenza d'effetti speciali. 
  4. Più che una serie di telefilm di scifi, agli occhi di un osservatore del XXI secolo, la serie di TF "Tales of tomorrow" sembrano :-) recite teatrali trasportate in televisione.
Un ingegnere appena licenziato ingiustamente e misteriosamente dal proprio datore di lavoro, aderisce ad un'offerta di lavoro che si rivela essere stata formulata dal governo, per una missione segreta di  settimane e remunerata per $215'000. Scopo dell'esperimento spedire un astronauta nello spazio, per raggiungere un pianeta gemello dove per ogni persona sul pianeta, ne esiste uno identico distante nello spazio. Questo legame duplice a dire del governo deve essere rimosso, pena la vita futura sul pianeta Giove. L'uomo salpa con un razzo, atterra sul pianeta identico a quello di Giove (la Terra) entra in casa e versa del veleno per uccidere il suo duplicato. Tornato su Giove (e lasciata la Terra) l'uomo viene pagato e torna a casa felice. Scopre però che il suo "presunto" alter ego avrebbe eseguito lo stesso identico piano, finendo per realizzare un mutuo assassinio.

Molto forte è IMHO l'assonanza di "Tales of Tomorrow"-the duplicatecon l'episodio "Third from the Sun" di Twilight Zone Season 1 Episodio 14 il quale sembra quasi :-) un SEQUEL dell'episodio precedente 


In un pianeta identico alla Terra (che al telespettatore verrà rivelato solo alla fine della puntata) c'è una guerra fredda tra quello che appare lo scontro ideologico tra USA vs URSS, la guerra fredda sembra prossima a detonare in nucleare ed appare inevitabile. Due scienziati con le proprie famiglie riusciranno a fuggire dal pianeta nonostante le indagini di un ispettore della polizia politica di sicurezza, prima dello scoppio della guerra. Il pilota collaudatore e sua moglie ed il suo amico scienziato con moglie e figlia, saliranno a bordo del velivolo sperimentale (un UFO) che avevano costruito, con lo scopo di fuggire e rifugiarsi presso un altro pianeta perfettamente compatibile per la loro vita: il terzo pianeta dal Sole ossia la Terra!.

sabato 27 gennaio 2018

I goau'd nascono su Planet Stories nel Luglio del 1953

Nella copertina di Planet Stories del Luglio 1953 compare iconograficamente un Goau'd che poi sarà riutilizzato come creatura aliena nei plot di Stargate e Stargate SG1
A quanto pare, veramente molto poco hanno ideato gli sceneggiatori quanto gli scenografi di Stargate e Stargate SG1, ma si sono limitati a scopiazzare quanto in pubblico dominio sulle Pulp Mags. 

In Stargate SG1 Stagione 1 Episodio 13 oltre a trovare i Goauld, troviamo una protagonista gnocca, dai capelli rossi ;-) chissà da dove gli sceneggiatori di Stargate SG1 potrebbero aver preso spunto per l'episodio 13 ?!

mercoledì 24 gennaio 2018

The act of Retipuj (1931) è il progenitore di Highlander e genesi di climate fiction

Nel gennaio del 1931 su Amazing Stories fu pubblicato il brevissimo racconto di Samuel Garfinkel in cui l'autore immagina che nel 4036 su Venere il vecchissimo Ruyerem Arsm avendo oltre 900 anni ed avendo assolto al suo compito, sul letto di morte rivela all'imperatore Runtas Sunaru che il popolo che abita Venere, ha perso la memoria storica delle sue origini. 

In realtà i venusiani sono originari della Terra in quanto l'umanità nel 2030 fu costretta a migrare a causa della CO2 presente sulla Terra che causò l'atmosfera tossica. Nel 2030 l'umanità aveva dimenticato come coltivare i prodotti agricoli e piantare alberi, essendo ormai abituata a mangiare prodotti sintetici costruiti dalla scienza, i gas serra ebbero a salire senza controllo, causando una crescente tossicità sulla Terra. Ryerem Arsm divenne immortale per volontà di Retipuj, un essere che consigliò a Ruyerem di studiare tutta la scienza umana, per guidare il genere umano verso Venere, perchè sulla Terra l'umanità non avrebbe potuto sopravvivere ancora a lungo. Arsm con il tempo e sfruttando la sua immortalità, costruirà enormi missili per far migrare tutto il genere umano su Venere, abbandonando la Terra morente. Una volta assolto al suo compito, il saggio Arsm perderà l'immortalità, ma prima di spirare sul letto di morte, rivelerà le vere origini del popolo di Venere.

Il breve racconto è assai irrazionale:
  • perchè è veramente una scelta infelice, l'aver scelto Venere come pianeta abitabile (essendo un pianeta totalmente ostile alla vita), 
  • non è chiaro come mai i venusiani, abbiano perso la memoria delle proprie origini!.
  • è poco credibile che i popoli della Terra, abbiano dimenticato come piantare alberi o coltivare la terra!. 
Tuttavia nella brevissima novella di fantascienza di S.Garfinkel scritta nel 1931 è possibile rintracciare due suggestioni IMHO assai importanti:
  1. Il protagonista della storia è il saggio ed immortale Ruyerem Arsm, che perde la sua immortalità una volta assolto il suo compito di novello Noè. E' IMHO certamente il progenitore della saga cinematografica fantasy Highlander dato che si lega l'immortalità all'assolvimento di un compito specifico.
  2. Il fatto che nel 2030 il tasso di CO2 e dei relativi gas serra saranno molto alti e che ci saranno migrazioni massive (non nello spazio), è una suggestione di Fantascienza che ad oggi trova pieno riscontro dentro tutti i documenti dell'IPCC.
Questo autore di fantascienza del 1931 è uno dei pochissimi autori (sin'ora censiti) contemporaneo ai primi anni del XX° secolo, che a suo modo e con varie eccezioni (omettendo la migrazione nello spazio, per di più sul letale pianeta Venere) :-D ebbe in ogni caso a dipingere delle prime proto-suggestioni di Climate Fiction, azzeccando le date e le cause delle future crisi del XXI° secolo!.