martedì 31 ottobre 2017

Time Capsule 1886/1930, Come sarà il mondo da quì a 100 anni?!

Su Amazing Stories Quaterly dell'Autunno 1930 a pagina 146, c'è un'interessante rubrica che merita d'essere letta con attenzione. 

Nell'Autunno del 1930 nella sezione "Editoriali dai nostri lettori" il lettore Frederick M.Clouter (che all'epoca abitava al 104 Greaton Road presso West Roxbury nello stato del Massachusetts e che era lettore appassionato di Amazing Stories), ebbe a scrivere una propria riflessione alla redazione del giornale. 

Il suo scritto è assimilabile ad un messaggio in una "Time Capsule", che merita d'essere letto con attenzione, da parte di un osservatore del XXI°secolo. Oggi siamo nel 2017 siamo quindi legittimati ad esprimere fatti ed opinioni sul 1986.

Clouter evidenziò nel suo articolo, quali fossero le attese di un anonimo lettore del giornale di St.Lous del 19/2/1886 per il lontano 1986, e raffrontò tali attese, con cosa era già stato ottenuto nel 1930. 

Il lettore del 1886 attendeva per il 1986 parecchie cose:
  • Supponeva l'esistenza di macchine capaci trasportare oggetti e manufatti molto pesanti.
  • Supponeva che vi sarebbe stata una generale conoscenza diffusa su ciò che stesse accadendo nel mondo.
  • Supponeva una distribuzione nel mondo di giornali ed audio ed immagini attraverso il Photophone.
  • Supponeva l'esistenza di una lega di Nazioni.
  • Supponeva l'esistenza di una corte legale internazionale presso cui dirimere i contrasti internazionali.

A parte l'ultimo punto, per il resto le attese del pluricentenario visionario del 1886 sono state tutte esaudite, direi persino superate, dato che via internet, si può anche fruire comodamente di filmati audiovideo, avendo persino una diretta in tempo reale, ovunque vi sia una webcam!.

Questo ovviamente interpretando la tecnologia "Photophone" come un marchigegno che usi la linea telefonica fissa per ricevere immagini, suoni, filmati, dati e quant'altro; un qualcosa che noi oggi chiameremmo Internet!.

Altre attese sul futuro erano:

  • L'abbandono delle strade in favore dell'uso quotidiano e capillare del mezzo aereo.
  • Uso della posta aerea spedita con il paracadute.
  • Case di carta con tetti d'alluminio e vetri.
  • Facile comunicazione con altri pianeti.
  • 94 Stati facenti parte degli USA, da Panama all'Alaska.
  • Abolizione degli eserciti.
  • Un emendamento costituzionale che impedisca il rinovellazione di leggi che siano già state abolite.
  • Incremento medio della speranza di vita sugli 80 anni con punte di 200 anni e più.
  • Evoluzione dei cani, tali che questi possano pensare.
  • Eliminazione del vagabondaggio con il contributo di tutti nella società.

Circa queste altre predizioni, il successo è stato molto scarso. A parte le baracche prefabbricate in compensato, solo ad uso ufficio, la comunicazione con sonde terrestri in esplorazione presso Marte ed in altri pianeti del sistema solare, nonchè la crescita della vita media nei paesi del primo mondo, null'altro pare essersi avverato!.

Altre invenzioni oggetto di profezia nel 1886 a dire di Clouter si sarebbero potute realizzare molto rapidamente, specie se vi fosse stata convenienza economica. 

Clouter nelle sue riflessioni evidenziò che era lecito attendersi che la scienza scoprisse nuove anti-tossine con cui proteggere i bambini. Tuttavia era anche vero che (anche all'epoca nel 1930) c'erano famiglie religiose restie ad usare tali profilassi mediche. Quest'ultima considerazione scritta nel 1930, pare davvero PROFETICA, infatti potrebbe per certi versi essere stata scritta appena pochi mesi fà in Italia. Basta ricordare il tempo e lo spazio che è stato bruciato dai mass media, sulla questione dei Vaccini, dando ampio spazio agli idioti che negano l'utilità dei vaccini!.

L'autore Clouter aggiunse che le attese dell'anonimo lettore del 1886 del St.Louis Journal, potevano essere troppo ottimistiche sulla tecnica e tecnologia, tuttavia le previsioni più difficili in assoluto erano gli eventi umani ed i rapporti tra le nazioni. Questi eventi a dire di Clouter erano i più improbabili, in quanto spesso entravano in gioco sia decisioni politiche, l'inerzia pubblica, nonchè la natura stessa dell'uomo, che spesso è restia ad accettare cambiamenti.

L'autore Clouter concluse la sua riflessione ponendo l'accento sul fatto che "sinchè non sarà possibile sulla Terra, per ciascuno essere sulla Terra la ricerca dela vita, della libertà perseguendo la propria felicità", l'umanità oscillerà sempre tra le alte vette della scienza, ai relitti ed alle rovine della guerra. 

In effetti questa è a mio avviso la profezia più grande che è costantemente avverata, perchè è attinente alla natura stessa dell'uomo

Politici stupidi e ladri, producono decisioni stupide: grandi responsabilità e grandi errori!.

domenica 29 ottobre 2017

I cloni del Daitarn III alias Trider G7 e Baldios robot (1980)

Trider G7 - Un ragazzino, Watta Takeo dopo la morte del padre eredita la ditta di famiglia (la Takeo General Company) che si occupa di consegne spaziali, effettuate con il robot Trider, custodito al di sotto di un parco giochi. Il personale della Takeo General comprende il signor Kakikoji (anziano ed avaro contabile con una decina di figli), il sig. Atsui (corpulento meccanico del Trider), il sig. Kinoshita (impiegato arrivista) e la signorina Ikue (la bionda segretaria). Durante le sue missioni Watta si trova a combattere contro dei robot che vogliono invadere la Terra per sfruttarne le risorse, comandati da un mega-computer alias Lord Zakuron e dal suo diretto sottoposto Ondron.
https://it.wikipedia.org/wiki/Trider_G7


Baldios - Il guerriero dello spazio conosciuto anche come Baldios, è un anime televisivo robotico, prodotto dalla Ashi Productions nel 1980. La serie fu interrotta al 34º episodio a causa degli scarsi ascolti, benché fossero in programma 39 episodi. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Baldios_-_Il_guerriero_dello_spazio



Robottoni giapponesi identici o quasi al "Daitarn III", forse i più piccini all'epoca si saranno chiesti: dove era finito Haran Banjo?, perchè il Daitarn III dovesse adesso chiamarsi Trider G7 o Baldios?


mercoledì 25 ottobre 2017

il polpo alieno di Alien nasce nel Gennaio del 1931 su Amazing Stories

Non c'è dubbio! il progenitore del polpo alieno Alien fu creato dall'illustratore Morey per la copertina di Amazing Stories nel Gennaio del 1931 che compare nel racconto "The Prince of Space" di Jack Williamson. Il progenitore di Alien non era però piccolo ma piuttosto grande, considerando quanto poi fu descritto nel racconto!.


domenica 22 ottobre 2017

Tekkaman (1979) il Koglione medioevale!

Il supereroe George viene avvolto da filo spinato su cui si salda un'armatura medioevale, poi vola sul groppone di Pegas (un robot-destriero). Il neo-cavaliere medioevale distrugge con armi da taglio, gli alieni invasori di Valdaster, capitanati dal generale Rambos e dall'imperatore Dobrai, i quali vogliono conquistare un pianeta morente. Considerando il fatto che il pianeta Terra nel contesto del cartone animato è morente, non si capisce perchè gli alieni di Valdaster :-) non decidano d'attendere 4 anni, conquistando il pianeta Terra senza sparare un solo raggio protonico :-) dato che l'umanità era destinata a morire o fuggire!.
https://it.wikipedia.org/wiki/Tekkaman

Tra le anime giapposotte più insulse e stupide, c'è il cartone animato Tekkaman, il più mentecatto intreccio mai ordito dalla produzione robottonica giapposotta, dato che la trama è davvero idiota e sfida ogni logica, persino quella della II° elementare!.


Tekkaman 1 - l'eroe che viene dal sole di niram65
La sigla d'apertura di Tekkaman era anche orribile ed antipatica!

giovedì 19 ottobre 2017

Quanto dura il digitale come supporto di conservazione?! (parte I°)

All'interno di una sintesi storica, si nota l'esistenza di un ampio spazio, per uno scenario distopico in dimensione katabiotrica!
In principio c'era il vinile, la musica era diffusa o dal vivo oppure via radio, oppure con i dischi di vinile mentre le immagini avevano le cineprese in Super 8 senza audio.
https://it.wikipedia.org/wiki/Super_8_millimetri
https://it.wikipedia.org/wiki/Disco_in_vinile

Intorno ai 1960s i computer erano roba per militari, università, centri di ricerca, governi, le memorie di massa ad accesso sequenziale, per dati e programmi erano i nastri magnetici. Tali tipi di supporti con il tempo presero una dimensione molto ridotta grazie alla Philips che nel 1963 propose le "cassette" per i mangianastri e la musica (registrata in analogico). 
Nei primi del 1970s presero a diffondersi anche per il nascente segmento Home Computing & Office Computing, le memorie di massa ad ACCESSO SEQUENZIALE. Le cassette musicali divennero un prodotto di larghissimo consumo per adulti, giovani, adolescenti per scambiarsi musica registrata dalle Radio FM. Su tali tipi di supporti i primi home computers ad 8bit potevano registrare dati e programmi in digitale. Molti ricorderanno quanto fosse comune nei primi anni ottanta per i Commodore Vic 20 e C64 avere collegato un mangianastri con un contatore per caricare o salvare dati su cassetta, registrando il punto d'inizio del file con il conta-nastro. Le cassette erano infatti supporti ad ACCESSO SEQUENZIALE, ossia per fruire i dati, il computer doveva scorrere avanti ed indietro lungo il nastro, attendendo che il registratore si collocasse al punto esatto.
https://it.wikipedia.org/wiki/Nastro_magnetico

Contemporaneamente verso la fine degli anni 1970s presero piede per il settore dell'informatica anche domestica, le memorie ad ACCESSO CASUALE ossia i primi Floppy Disk. Tali supporti, avevano una latenza molto bassa, le testine del disco si posizionavano rapidamente con la testina magnetica sul punto del disco, per registrare o caricare i dati. I primi dischi erano enormi da 8" pollici poi verso la fine degli anni settanta tali supporti si ridussero alla dimensione di 5.25" un formato notoriamente usato da tutti i computer Apple ][ e Commodore C64.
https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_floppy_disk
Verso i primi 1980s i floppy disk da 5.25" andarono in pensione e furono sostituiti dai minidischi da 3.5" questi supporti potevano essere a bassa densità oppure ad alta densità e funzionavano nello stesso modo dei dischi più grandi, ma erano assai più capienti. Infatti si passò dai 120Kb di un disco da 5.25" ai 1.44Mb di un 3.5". Ovviamente nel passaggio di tecnologia, tutti i dati sui 5.25" andarono persi, a meno di non comprare periferiche hardware (vendute solo per poco tempo) che garantivano l'accesso sui vecchi dischi, per il trasporto di dati ed applicazioni sui nuovi computer, che disponevano nativamente dei supporti da 3.5". Per il settore del multimedia, le cineprese a pellicola furono soppiantate dalle telecamere in VHS (dopo il mitico scontro tecnologico perso dalla Betamax).
https://it.wikipedia.org/wiki/VHS
https://it.wikipedia.org/wiki/Betamax
Verso la metà del 1990s presero a diffondersi i Compact Disk questi supporti digitali con lo stesso diametro dei dischi da 5.25" non avevano una custodia scura di protezione, erano inseriti direttamente in lettori laser che leggevano e scrivevano su tali supporti. La capienza era enorme per l'epoca, dato che potevano contenere fino a 700Mb di dati. La differenza tra musica e dati prese gradualmente a scomparire, con la diffusione degli MP3 esplose anche la crisi del settore musicale, con il Peer To Peer di Napster.
https://it.wikipedia.org/wiki/Compact_disc
https://it.wikipedia.org/wiki/CD-ROM
https://it.wikipedia.org/wiki/CD_riscrivibile
https://it.wikipedia.org/wiki/Lettore_CD

A metà degli anni 1990s ebbero a diffondersi periferiche magnetiche ad accesso casuale: nipoti tecnologici dei dischetti da 3.5" con maggiori capacità di archiviazione, dai 100Mb degli Iomega Zip, Syquest da 135Mb, agli Zipponi da 200Mb oppure ai più grandi super Zipponi da 750Mb.
https://en.wikipedia.org/wiki/SyQuest_EZ_135_Drive
https://it.wikipedia.org/wiki/Zip_drive

Queste periferiche d'archiviazione su porta SCSI o porta parallela, finirono per essere soppiantati dai DVD. Il DVD divenne rapidamente un unico sopporto per dati informatici, audio e filmati video MPEG4

Verso la fine del 1990s il CD-ROM fu rimpiazzato dal DVD-Rom, il supporto esteticamente è identico al precedente, differisce solo per il fatto che il raggio laser della periferica (da 720nano metri) legge i dati in strisciate più sottili, quindi è capace di contenere molti più dati sulla periferica. Pochi forse sanno che la tecnologia Blue Ray è una variante della stessa tecnologia, ma con un raggio laser da 405nano metri.
https://it.wikipedia.org/wiki/DVD
https://it.wikipedia.org/wiki/DVD-RW
https://it.wikipedia.org/wiki/Blu-ray_Disc
https://it.wikipedia.org/wiki/MPEG

domenica 15 ottobre 2017

Laser e Fibra Ottica predetti su Amazing Stories Quaterly estate 1929


Su Amazing Stories Quaterly dell'estate 1929 fu pubblicato il bel racconto di fantascienza "The Singing Moonbeams" di Edward S.Sears Nel bel racconto giallo thriller di fantascienza, narrato per cut cinematografici, ancora gradevole da leggere per un osservatore del XXI°secolo, l'autore immagina l'esistenza di un brevetto per spedire suoni e voci tramite un raggio di luce.


  • La fibra ottica è essenzialmente un pezzo di vetro molto nitido e ragionevolmente flessibile, all'interno del quale transitano  impulsi di luce, i quali trasportano informazioni (suoni, immagini, parole, dati ecc...)
  • Anche i Laser sono utilizzati per le telecomunicazioni, non avendo la necessità d'avere un contenitore di vetro, essendo luce polarizzata ad un'unica frequenza.

giovedì 12 ottobre 2017

Machinima

 Bring the rain
Corto di guerra, dal taglio cinematografico ma allo stesso tempo ragionevolmente plausibile nella dinamica della battaglia, tranne per il fatto che l'elicottero Mil-mi 24, il mezzo non avrebbe dovuto restare in hovering sulla città come un facile bersaglio fisso, ma avrebbe dovuto ronzare in cerchio sui bordi del paese. Inoltre avrebbe fatto comodo la presenza di un A10 sia per distruggere tank quanto elicotteri corazzati dell'era sovietica!.
Last one out
Altro corto di guerra, dal taglio cinematografico: critica assai grave che si può fare al filmato è che il territorio è assai piatto ed allo scoperto, non si capisce perchè la pattuglia OTAN pur essendo dotata di armi con gittata maggiore, non abbia aperto il fuoco assai prima, ingaggiando i nemici da lontano, evitando di essere sopraffatta dal fuoco di AK47 (che notoriamente hanno una gittata largamente inferiore ai fucili NATO).


Argomenti Correlati
https://it.wikipedia.org/wiki/Machinima

domenica 8 ottobre 2017

La DARPA scopiazza un'idea da Amazing Stories del Gennaio 1931

Presso Amazing Stories del Gennaio del 1931 comparve un racconto di fantascienza scritto da Harl Vincent, dove s'immaginava la presenza di serbatoi di benzina avio (galleggianti ed affioranti) per permettere agli idrovolanti  di rifornirsi; loschi individui però si nasconderanno nelle strutture per effettuare imboscate...



La DARPA dopo 85 anni, immagina di costruire droni dormienti sott'acqua per scopi d'intelligence, sorveglianza e ricognizione. L’Upward Falling Payloads una volta lanciato in mare, comunica la sua posizione costantemente ed entra in stand-by con un’autonomia (stimata) di anni. Quando necessario i militari attiverebbero l'UFP dalle profondità del mare, questi emergerebbero e come un drone (o sciami di droni) sarebbero anche in grado di volare e colpire un nemico.


Preparare il campo di battaglia in vista di futuri scontri (terrestri od
aeronavali) è un comportamento logico MA questi UPWARD FALLING PAYLOADS hanno dei limiti:
  • sono sistemi vulnerabili ai sottomarini (umani e robotici) che potrebbero essere spediti in esplorazione dai cinesi :-) per preparare il campo di battaglia, bonificandolo da minacce nemiche, prima di spedire il grosso della propria flotta.
  • sono dispositivi vulnerabili, in quanto potrebbero essere scoperti e catturati e quindi studiati per valutare soluzioni di hacking & disabilitazione, al fine d'interdire o persino renderli utilizzabili dal nemico, causando fuoco amico contro l'Us Navy



giovedì 5 ottobre 2017

Dark Star (1974)

Dark Star è un film di fantascienza statunitense diretto da John Carpenter nel 1974, esordiente alla regia di un lungometraggio "low cost". Il film riprende molti elementi del celebre "2001: Odissea nello spazio" in senso surreale e parodistico. La Dark Star è una nave spaziale con il compito di distruggere le stelle e pianeti con orbite instabili, opera lontano dalla terra in un altro sistema solare. L'astronave ha un equipaggio piuttosto particolare: i membri infatti sembrano essere capelloni trasandati, alienati e schizofrenici, che si prendono cura di una creatura aliena. Poi sono soliti discutere tra loro di temi che spaziano dalla morte al campionato di baseball, interagendo anche con il loro capitano ormai morto in un incidente e posto in un freezer. Per una serie di malfunzionamenti causati da incuria dell'equipaggio e palese carenza di manutenzione all'astronave, alla fine esploderà una bomba, distruggendo l'astronave. Almeno un sopravvissuto alla detonazione, farà surf su un rottame spaziale, spiaccicandosi poi su un pianeta!.
https://it.wikipedia.org/wiki/Dark_Star_(film)


domenica 1 ottobre 2017

The Legacy (v1.0)


the legacy
Omaggio Amazing Stories –giugno 1934- racconto “Hastings 1066” di L.B.Rosborough con un plot remix

File reperibile anche su altri clouds:
https://issuu.com/65c02/docs/the_legacy
https://www.scribd.com/document/359050466/The-Legacy