sabato 30 gennaio 2016

Chi sono i lettori della saga delle Guerre Puniche II?!

Ho un serio problema di distribuzione!, ho troppi ebook, devo razionalizzare la loro disposizione sui clouds, riallocando la presenza degli ebook su certi clouds piuttosto che su altri. 

Bisogna che alcune linee di ebook siano solo su certi clouds e non su altri, mentre alcune linee di ebook che hanno pochi ebook e sono in sosta per ricerca, devono stare su tutti i clouds 

Alcune comunità danno spazio limitato, altre danno spazio infinito ma gli ebook perdono visibilità e non compaiono piu' nella vetrina se uno ha un account gratuito.

La collana più vecchia é Orizzonti Sintetici, l'ho rimossa io, da Calameo, per avere luce sulla vetrina, nei nuovi uploads degli ebook, che altrimenti i nuovi ebook mi rimanevano oscurati e fuori vetrina. Stesso problema su Scrib che per altro si appropria degli ebook anche se uno li cancella!!.

Su UBlisher la collana OS é presente, ma non sono disponibili gli accessi. Suppongo comunque che debbano essere pochi, perché su UDo alcuni ebook della collana OS sono stati rimossi in automatico per carenza di views.

Su Joomag ho dovuto rimuovere la collana Orizzonti Sintetici, faceva pochi accessi, incluso Nuovo Medievo che era molto pesante, ed ho dovuto fare spazio per nuovi ebook di SciFi (che invece per adesso vanno benino).

Su Boorp & EbookGratis non li ho mai proposti, essendo la collana Orizzonti Sintetici senza immagini, mentre Nuovo Medioevo era troppo pesante per essere uppato.

Non c'e' dubbio che sarebbe utile rimettere mano alla collana Orizzonti Sintetici, per mettere delle immagini, per togliere qualche refuso,  poi ricaricarla, dandogli più  visibilità, per vedere che succede. 

Nuovo Medioevo é un ebook molto pesante da scaricare anche se é bello e colorato, IMHO andrebbe "alleggerito" riducendo DPI, risoluzione delle immagini interne.

Remington Ride é un piccolo libretto, ha fatto pochi views rispetto ad Operation Flashpoing, il quale ha indubbiamente ottenuto un buon views, salvo su Issu.

A fine anno, andrò a contare che accessi fa la linea di FANTASCIENZA (con l'esclusione di JDAB la quale é stata introdotta adesso, necessita di tempo).

venerdì 29 gennaio 2016

Smoke Rings (v1.0)

Smoke Rings (v1.0)

Omaggio ad Amazing Stories n°11 del Febbraio 1928 un racconto di G. McLociard -Smoke Rings- Plot originale: Un tizio studia la formazione degli anelli di fumo, prende in affitto una fattoria isolata per fare degli esperimenti sulla formazione di anelli di gas incendiari. Una notte passa sopra la sua fattoria un enorme dirigibile della marina, il quale esplode, colpito dai suoi anelli di fumo, mentre tutti crederanno che il dirigibile sia precipitato a causa del temporale.

E' da questo spunto, che ho tratto la versione remixata del "mio Smoke Rings" rivoltando la trama come un calzino!

http://free.yudu.com/item/details/3687202/Smoke-Rings--v1.0-



collana JDAB-Joint Direct Attack Book

mercoledì 27 gennaio 2016

JDAB-Joint Direct Attack Book

Il logo JDAB-Joint Direct Attack Book indicherà una collana di ebook lineari o multitrama che saranno tutti una serie di omaggi ad "Amazing Stories, Wonder Stories & IF worlds of science fiction", consisteranno in remake e/o plot remixati e/o porting in multitrama di racconti di SciFi, che IMHO hanno meritato d'essere rivisitati in una chiave più moderna!.



Instant ebook attualmente disponibili nella collana:
Smoke Rings (v1.0) high dragon pump (v1.0) sounds of distant friends Techno3 MicroCosmic Buccaneers (v1.0) Inverted World (v1.0) winged threat the machine od destiny Out of the SubUniverse 10 days the Master of Gravity Anubi's Wars Anubi's Wars (parte II) the segret of the tombs the derelict of space Big Slam Project Synthetic Man a voice in the void exile on Asperus Alien Protocols tragedies in time a mad world Alien Explorations Phase Transition

beyond that curtain dr.Murgatroyd's experiment Paradox Duplex neurophoria Boomeranging'round the Moon the rock Top Secret the drug master UFO crash the legacy Neural Programming wars of the worlds

il continuum temporale freezato The 5th Protocol l'ultima analisi Gli Omicidi Accidentali nel-percorso-del-tempo



Vedi anche:

Raccolta Ebook di mia-fantascienza

martedì 26 gennaio 2016

SciFi Steampunk ucronie da manicomio, nascono dall'immaginario WWI

Un'altra linea di "Ucronie da manicomio" é IMHO lo "Steampunk", generato dal delirio:"di come sarebbe stato il passato se il futuro fosse accaduto prima"

Donzelle di cartone popporute dal look laracroftiano che impugnano pistole falliche, contesti con improbabili robottoni di ferro un po' rugginosi e velivoli ferrosi, propulsi da vapore prodotto da caldaie a carbone... 
https://it.wikipedia.org/wiki/Steampunk#Evoluzione_del_genere

Lo Steampunk é una linea d'ucronie, molte delle quali made in Japan, con Fumetti, Film a cartoni animali,con qualche film Hollywoodiano come -wild wild west- oppure -Mutant Chronicles- ecc...


Linee ucroniche di Fantascienza che evocano ambientazioni, mezzi & armi dal design inspirato al contesto storico della WWI, come dimostra il filmato storico sui carri armati della WWI.


Lo so, é inutile fare polemica! anche lo Steampunk é una sotto-specie della SciFi, ancorché sia un'ucronia da manicomio... lo Steampunk ha una sua dignità perchè genera un proprio fatturato!. 

La domanda sorge spontanea, nel centenario WWI 1914-1918/2014-2018 

Perché mai si deve clonare il mondo del tardo ottocento-primi del novecento, violentando la storia, per proporre al pubblico delle Ucronie da manicomio, quando agli autori di SciFi basterebbe far funzionare le proprie meningi per esplorare mondi distopici, oppure costruire dei romanzi storici di SciFi con etichetta ucronico-Top Segret?!

Per altro le ucronie da manicomio, IMHO concorrono negativamente a far percepire tutta la SciFi dal pubblico non appassionato, come una letteratura di genere ripiena solo di cazzate tonanti, per lettori lesionati!.

giovedì 21 gennaio 2016

copyright, copyleft, pubblico dominio, una breve riflessione sui modelli di business editoriali.

Breve post sul diritto d'autore :-) si spera che tutti sappiano cosa sia, é inalienabile, (a meno che non sia un "ghost writer" ossia il diritto d'autore non sia stato originariamente transato come prestazione in una "sub-fornitura concettuale" come un contratto di consulenza, ad un altro autore).
https://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_d%27autore

Sono tre le forme giuridiche a cui un autore può rivolgersi, per ammantare la sua opera:

COPYRIGHT: tutti i diritti riservati
https://it.wikipedia.org/wiki/Copyright
A grandi linee, l'utente paga ed usufruisce dell'opera. Tuttavia stanno cambiando i modelli di business nell'editoria: da proprietà del testo (cartaceo o file presente sull'hdd del cliente) a diritto d'accesso alla fruizione del testo (sia come diritto di accesso e fruizione a più testi in streaming, oppure ad un testo specifico in streaming dove però il file ancorché presente nella cache del browser non é accessibile direttamente come un classico download). Tutti i diritti (inclusi quelli non ancora nati per evoluzione tecnologica) sono riservati all'autore, quindi di solito per un fruitore, salvo la copia ad uso personale, altro non é possibile fare. In ogni caso la cessione dell'opera per essere legale implica sempre la perdita dell'originale dal dantecausa all'aventecausa.

PUBBLICO DOMINIO.
https://it.wikipedia.org/wiki/Pubblico_dominio
Sono opere letterarie, musicali, teatrali ecc... vecchie piu' di 60 anni circa, su cui é scaduto il diritto di utilizzo: rappresentano il patrimonio dell'umanità che tutti possono usufruire, senza dovere niente a nessuno. Ad esempio uno spartito di Verdi (si pagano i costi di stampa all'editore, non per l'opera di Verdi), oppure un'opera classica rappresentata da un'orchestra più di 60 anni fa (altrimenti, ATTENZIONE se l'opera é rappresentata da strimpellatori meno di 60 anni fà, allora c'e' da pagare il diritto d'autore all'orchestra per la sua rappresentazione). Per le opere di narrativa, nessun autore sano di mente, rilascierebbe in Pubblico Dominio, dato che questa fattispecie non offre alcuna tutela e l'opera narrativa potrà essere copiata e/o storpiata da altri che se ne approprieranno.

In internet tutto é condivisione e senza condivisione di dati non funzionerebbe niente, persone illuminate hanno concepito e sviluppato il concetto di Copyleft.

Tale tipo di tutela giuridica non ha ancora trovato una sistemazione giuridica in Italia, come contratto nominato, ma vi rientra solo come contratto atipico tra autore e fruitore di un'opera.
https://it.wikipedia.org/wiki/Contratto_tipico
https://it.wikipedia.org/wiki/Contratto_atipico

COPYLEFT
Sono licenze contrattuali, che permettono al fruitore di fare molte cose disponendo dell'opera senza dover subire una transazione monetaria. L'assenza di transazione monetaria non equipara il bene oggetto di copyleft a pubblico dominio, anzi il copyleft implica che l'autore sia tutelato, dato che a seconda della licenza che ha scelto, al fruitore saranno interdette alcune azioni.
https://it.wikipedia.org/wiki/Copyleft
http://www.creativecommons.it/Licenze
http://www.copyleft-italia.it/intro.html
https://creativecommons.org/

Chi usa il Copyright fa attività d'impresa. L'editore pubblica per avere un profitto (che sia fruizione dell'opera o distribuzione dell'opera) mentre l'autore scrive per avere soldi. Poiché il bene narrativo ha un prezzo, si presume che l'opera letteraria soddisfi qualche tipo di bisogno nel fruitore. Con il passare del tempo, in genere dopo i 60 anni, materiale soggetto a Copyright cade nell'insieme del Pubblico Dominio.

Chi usa il Copyleft, non fa attività d'impresa. L'autore é anche l'editore digitale di se stesso, il bene che diffonde non ha un prezzo, non ci sono transazioni monetarie, perché si tratta d'opinioni, oppure di fatti dell'autore, che sono condivisi in internet, nelle modalità scelte dall'autore, con chiunque ne sia potenzialmente interessato.

Con il passare del tempo é ragionevole supporre che nel mondo dell'editoria cambierà il modello di Business, a causa del fatto che il costo marginale dell'opera digitale é pari a zero.

Quindi da una remunerazione "a consumo" (com'era la telefonata in epoca di monopoli telefonici) a prezzo di mercato assai basso, si potrebbe anche passare ad una remunerazione "a fruibilità" (come é oggi con flat internet) con un canone fisso periodico, avendo garantito l'accesso ad un'infinità di titoli commerciali. Due modelli di business che si scontreranno probabilmente e che il tempo dirà quale troverà più accoglienza nel mercato digitale.

E' ragionevole supporre che i clouds gratuiti potrebbero ridursi di numero oppure saranno soggetti a concentrazione (anche per acquisto degli editori e chiusura di potenziale soppressione di beni succedanei), mantenendo sempre account free entry level, con altri pay. I clouds potrebbero sostenersi sia con i gettiti della pubblicità, i quali saranno crescenti (come le tv commerciali anni ottanta) tanto più la qualità delle opere diffuse in copyleft dagli hosting FREE, sarà elevata e d'interesse.

Dalla lotta di questi due grandi segmenti di mercato (copyright a consumo, copyright flat, copyleft e pubblicità) é ragionevole supporre che in un ebook il titolo, l'attrattività di una copertina (di un file in copyleft o copyright) il genere, l'incipit, non saranno più una discriminante razionale per il lettore, nella scelta.

L'offerta continuerà ad essere sempre più ampia, virtualmente infinita, saturando il mercato ed il consumatore. Il rumore (produzione editoriale insulsa + self publishing pay di basso valore + copyleft di basso valore, tutti probabilmente saranno crescenti) sarà maggiore del segnale (produzione editoriale di valore + self publishing pay di alta utilità + copyleft di alto interesse, segmenti che saranno tutti probabilmente decrescenti, dato che saranno sommersi dal rumore) per cui:

ipotesi 1: tutto sarà affogato in un marasma entropico indistinto, dove neppure i tag, i generi di narrativa, gli incipit dei libri, i motori di ricerca riusciranno a sbrogliarne la matassa. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_dei_segnali
https://it.wikipedia.org/wiki/Rapporto_segnale/rumore
https://it.wikipedia.org/wiki/Entropia

ipotesi 2: vincerà il segmento del copyleft, dato che nel segmento pay si dilaterà l'offerta in modo esponenziale, saturando ogni segmento possibile ad uso del consumatore. Tutti punteranno al "self publishing bypassando gli editori" e pubblicando qualche cazzata, causando una concorrenza enorme e facendo tracollare a zero, il prezzo di mercato dei beni delle cazzate narrative (ZERO é infatti il costo marginale dell'opera digitale). Il collasso dei prezzi ridurrà i margini di contribuzione, il numero degli editori collasserà nel mondo, sopravviveranno solo pochi grandi editori, quelli che potranno contare su code lunghe e bassissimi prezzi di mercato, determinando così un avvicinamento del segmento di mercato pay al segmento copyleft (beni succedanei, da sempre a fruizione gratuita, ma con vincoli stringenti sui fruitori).





lets wait and see...



Argomenti correlati: Mia Fantascienza: The Bookends scenarios post del 6/4/2017

mercoledì 20 gennaio 2016

TEASER: Rocky Top Budweiser

Stiamo per giungere al termine della saga Guerre Puniche II & WWIII. 

Il capitano Miller (del 5th Ranger) ha interrotto l'esposizione della storia del sergente Graves del 7th Air Cavalry.

Miller ha fatto valere il suo grado di capitano, zittendo Graves!.

E' così che Miller ci ha potuto mettere al corrente di cosa é accaduto nei mattatoi delle buffer zone in "Rim of Hell" in cui abbiamo conosciuto i bambini soldato Kumi, Shani, Usutu. 

Gli stessi "scout" chartaginesi, dispensatori di morte quanto vittime di guerra che ci ha presentato indirettamente il capitano Miller (riuscirete a scoprire come appare al lettore il capitano Miller?!), poi ci hanno narrato quello che sapevano sulla levata di Chartago in "per la gloria di Chartago".

Adesso ritorna la parola al sergente Graves (lo stesso che avevamo
incontrato letterariamente in "Remington Ride" perché ce lo aveva fatto conoscere il sergente Cooper). Ora dovete sapere che il sergente Graves, adesso dice che lui non sa un accidente di niente, di queste fottute Guerre Puniche II.

Si!, perché da dove proviene il sergente Graves (l'universo ottimista), ci sono solo della dannate rivolte sub-sahariane. Il suo firesquad d'esploratori é stato embedded ad un distaccamento di USE Army, divisione Bundeswehr per gli amici Budweiser.



L'estrazione e sintetizzazione delle memorie del sergente Graves, sono tutt'ora in working in progress e penso che abbiate già capito come si chiamerà l'ebook e quale sarà la sua fottuta soundtrack




Stay posted ;-)